Festival Respighi Bologna

Festival Respighi Bologna

16 – 23 settembre 2022

Bologna dedica per la prima volta un festival musicale a Ottorino Respighi, grande compositore e suo illustre cittadino. Nel mese di settembre di ogni anno la Città farà da palcoscenico a concerti, convegni, approfondimenti, collaborazioni e iniziative culturali che coinvolgeranno le istituzioni cittadine e le eccellenze della Regione, con l’obiettivo di riscoprire e valorizzare non solo l’intera opera respighiana, ma anche quella dei compositori a lui contemporanei, facendo emergere l’immenso patrimonio musicale del primo Novecento italiano. Il Festival Respighi Bologna sarà un viaggio che ogni anno ci guiderà attraverso le rotte percorse dal compositore, passando da Roma a Londra e la Scozia, dalla Russia al Nord e Sud America fino al Brasile, ove raccolse grandi successi e consensi unanimi, recando onore all’Italia e a Bologna.

Da un progetto di Maurizio Scardovi, il Festival è organizzato da Musica Insieme

in collaborazione con Teatro Comunale di Bologna, Università di Bologna, Conservatorio “G.B. Martini”, Accademia Filarmonica di Bologna, Cineteca di Bologna, Teatro Duse, Filarmonica Arturo Toscanini, Orchestra Senzaspine, Teatro del Baraccano, Mirarte,

Fondazione Giorgio Cini, Accademia Nazionale di Santa Cecilia

con il Patrocinio di AGIS – Associazione Italiana Generale dello Spettacolo e di Confindustria Emilia Area Centro

con il contributo di Comune di BolognaRegione Emilia-RomagnaMinistero della Cultura

Founding Partners ALFASIGMA e PELLICONI

 

Per info e prenotazioni:

info@festivalrespighi.it

Tel. 051271932

 

Ottorino Respighi è senza dubbio fra i compositori italiani del Novecento più popolari ed eseguiti nel mondo. Le sue partiture appaiono nei programmi delle istituzioni musicali più prestigiose, eseguite dai più grandi direttori e dalle principali orchestre. Respighi fu un bolognese DOC, e rimase profondamente legato alla sua terra anche durante il suo lungo soggiorno romano, inframezzato da frequentissimi viaggi in Europa, in Russia, America Latina e Stati Uniti, con concerti a Londra, Edimburgo, Chicago, New York e persino in Brasile. Il nome di Respighi è stato spesso accostato a quello di Debussy e Ravel e, per il suo talento nell’orchestrazione, a quello di Richard Strauss. Compositore poliedrico e prolifico nonostante la morte prematura, il catalogo di Ottorino Respighi è ricco ed eterogeneo: poemi sinfonici, concerti per solista e orchestra, musica da camera strumentale e vocale, composizioni per pianoforte e per organo, numerose opere liriche e balletti che gli fecero guadagnare persino l’ammirazione di Giacomo Puccini. Anche se visse a lungo a Roma, dove si spense nel 1936 a poco più di 56 anni, Respighi ritornò regolarmente nella sua città natale, a cui era profondamente legato. Cresciuto in via de’ Castagnoli, a pochi passi dal Teatro Comunale, trascorse l’infanzia giocando proprio in quello spazio che oggi porta il suo nome: Largo Respighi. Oggi giace, insieme alla moglie Elsa, nel cimitero monumentale della Certosa di Bologna, in prossimità della tomba di Giosuè Carducci.

Grazie al progetto ideato da Maurizio Scardovi, manager bolognese che opera nel settore dello spettacolo e appassionato studioso di Respighi, la città di Bologna avrà l’occasione di riportare a nuova luce la figura e la produzione di uno dei suoi massimi compositori. Il Festival Respighi Bologna è realizzato dalla Fondazione Musica Insieme con la collaborazione di alcune fra le principali istituzioni culturali del territorio, come il Teatro Comunale di Bologna, il Conservatorio “G.B. Martini” (ove Respighi si diplomò ed eseguì le sue prime composizioni), l’Università di Bologna, la Filarmonica e il Festival Toscanini, la Cineteca di Bologna, l’Accademia Filarmonica di Bologna, il Teatro Duse, il Teatro del Baraccano, Mirarte.

Sin dalla sua “Edizione 0”, il Festival Respighi Bologna si caratterizzerà anche per le collaborazioni in ambito nazionale e internazionale che seguiranno le rotte percorse da Respighi: Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, Kennedy Center for the Performing Arts di Washington, Carnegie Hall di New York, Staatsoper Amburgo, Opera Australia, Consolato Italiano di Manhaus in Brasile.

Con nove appuntamenti distribuiti in altrettanti luoghi d’arte e cultura della città, si ripercorreranno alcune delle opere di Respighi per celebrare il ruolo fondamentale del compositore nel Novecento mondiale e al contempo esplorarne i lavori meno noti in un percorso di scoperta e riscoperta che si dipanerà gradualmente nel corso degli anni. Al contributo di musicisti di primissimo piano come Mischa e Lily Maisky sarà affidata l’inaugurazione al Teatro Auditorium Manzoni, per concludere con un solista eccezionale come il violinista Ilya Gringolts, che chiuderà il Festival accompagnato dall’Orchestra del Conservatorio “G.B. Martini” diretta da Luciano Acocella. Altra eccellenza della città, l’Orchestra Senzaspine sarà impegnata nel concerto ospitato nella splendida Basilica di Sant’Antonio ove si trova un prestigioso organo Franz Zanin del 1972. Solista sarà Andrea Macinanti, interprete di riferimento dell’integrale per organo di Respighi. Ascolteremo anche alcune eccellenze della Regione, come la Filarmonica Arturo Toscanini, di scena al Teatro Duse, e parteciperemo a un “concerto meccanico”, in cui un grancoda Steinway dotato di un congegno Vorsetzer riprodurrà i rulli originali delle esecuzioni di Respighi e Casella, protagonisti di una nuova incisione per l’etichetta bolognese Tactus. Accanto ai talenti dell’Orchestra del Conservatorio, ampio spazio sarà riservato ai giovani con la pièce teatrale Il Cenacolo delle Beffe, scritta e interpretata dagli studenti del laboratorio universitario tenuto da Nicola Badolato, Giuseppe Sigismondi de Risio e Gabriele Duma e coordinato da Anna Scalfaro, e dedicata al milieu intellettuale della Bologna primonovecentesca in cui crebbe Respighi. Sarà un omaggio rispettoso per ricordare la vocazione creativa della città sin dai primi del XX secolo, quando nella storica bottega di Francesco Bongiovanni nel Mercato di Mezzo si riuniva quel “Cenacolo Musicale” o “Cenacolo delle Beffe”, da cui nacque l’opera comica di Respighi Re Enzo, che debuttò nel 1905 al Teatro del Corso, con interpreti scelti quasi esclusivamente tra gli studenti bolognesi. L’evento fornirà inoltre l’occasione per assaporare alcuni piatti caratteristici del Novecento bolognese insieme ad alcune ricette speciali scelte dal docente e storico dell’alimentazione Massimo Montanari, che sarà inoltre possibile gustare in alcuni ristoranti bolognesi durante tutto il periodo del Festival. Oltre alla riscoperta delle opere di Respighi, ci si soffermerà anche sul panorama nazionale e internazionale del compositore durante una Giornata di Studi, che sarà curata dal musicologo Piero Mioli e ospitata all’Accademia Filarmonica di Bologna, con i contributi di esperti e divulgatori come Norberto Cordisco Respighi, pianista e musicologo erede del compositore, Renato Meucci, Direttore Scientifico dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, compositori come Virginia Guastella e Francesco Attardi, e molti altri importanti musicologi e storici della musica. Proprio Virginia Guastella sarà inoltre protagonista di un evento unico, che verrà presentato al Cinema Lumière in collaborazione con la Cineteca di Bologna: la trascrizione per ensemble delle musiche che Respighi progettava di adattare per il cinema dalla sua opera La bella dormente nel bosco. Una prima assoluta, che avrà luogo nel 2023, e un’operazione di grandissimo interesse, considerato che Respighi è stato fonte d’ispirazione per i più grandi compositori di colonne sonore, da Ennio Morricone a John Williams. Infine, potremo immergerci ancora di più nella società bolognese novecentesca grazie alla visita guidata organizzata in collaborazione con Mirarte nel Museo – Complesso monumentale della Certosa, dove Respighi riposa accanto a grandi Maestri d’Italia come Giosuè Carducci e Gioachino Rossini, e con gli interventi musicali a cura del Teatro del Baraccano. Aspettando il Festival… lo speciale webinar organizzato in collaborazione con Mirarte illuminerà i primi anni del Maestro, dalla formazione a San Pietroburgo alla partenza per Roma, attraverso i luoghi, i personaggi e le musiche dell’epoca.

 

Biglietti e abbonamenti
disponibili presso Bologna Welcome, online sul circuito Vivaticket e il giorno di svolgimento degli spettacoli nelle rispettive sedi a partire dalle ore 17.

Riduzioni per abbonati di Musica Insieme e Under 35

Abbonamenti a 4 concerti (16-18-20-23.09.2022)
 in vendita presso Bologna Welcome o telefonando allo 051 271932

INTERO

Platea 100,00/ Galleria  80,00

RIDOTTO

(abbonati Musica Insieme e Under 35)

Platea 75,00/ Galleria 55,00

 

Per info e prenotazioni:

info@festivalrespighi.it

Tel. 051271932

 

 

Ufficio stampa:

Alessia Capelletti

Media Relations Specialist

a.capelletti@capelletti-moja.com

+39 3475801910

 

Per informazioni:

www.festivalrespighi.it

info@festivalrespighi.it

tel. 051 271932

 

Fondazione Teatro Comunale di Bologna

Largo Respighi, 1 – 40126 Bologna
Tel. (+39) 051 529019
Info e biglietti:   www.tcbo.it   |   boxoffice@comunalebologna.it

Orari biglietteria:
da martedì a venerdì – dalle 12.00 alle 18.00
sabato – dalle 11.00 alle 15.00


Stagione estiva del Fantateatro al Duse

Comunicato stampa

AL TEATRO DUSE AL VIA LE RASSEGNE PER RAGAZZI
‘UN’ESTATE…MITICA!’ E ‘FANTATEATRO DANZA’

Dal 14 giugno al 23 settembre 2022 | (dai 4 anni)

Teatro Duse di Bologna, via Cartoleria 42

Dalle avventure di Ulisse al volo di Icaro, dallo stratagemma di Arianna per uscire dal labirinto alla rivalità tra le dee Era, Atena, Afrodite, dal romanticismo di Eros e Psiche fino alla spedizione di Giasone e la sua ciurma di Argonauti a caccia del vello d’oro.

Tutto il fascino dei miti greci torna in scena al Teatro Duse di Bologna con l’edizione 2022 di ‘Un’estate…mitica!’, la rassegna firmata Fantateatro e diretta da Sandra Bertuzzi, andata sempre sold-out. Nello specifico, dal 14 giugno all’8 settembre sono previsti 17 spettacoli, alle ore 20.45, per i bambini dai 4 anni in su e le loro famiglie.

Dopo la pausa di agosto, dal 13 al 23 settembre Fantateatro sarà di nuovo sul palco del Duse con un nuovo ciclo interamente dedicato alla danza, sempre adatto dai 4 anni in su. Si tratta di ‘Fantateatro danza’ che propone due titoli celeberrimi per un totale di 6 appuntamenti, tutti alle ore 18. In calendario, quindi, ‘Pierino e il lupo’ di Prokofiev (13, 14, 15 settembre) e ‘Il lago dei cigni’ di Tchaikovsky (21, 22, 23 settembre).

“I caratteri, le sfide e le peripezie dei personaggi dell’Olimpo - spiega la regista Sandra Bertuzzi - si sono dimostrati strumenti perfetti per stimolare la fantasia dei più piccoli attraverso un linguaggio drammaturgico divertente e appassionante e, al contempo, per farli riflettere sugli insegnamenti che emergono da ciascun racconto”. Quanto al nuovo focus di settembre sulla danza, Bertuzzi sottolinea che “il filone legato ai classici più amati e celebri del balletto ha lo scopo di ampliare e arricchire ulteriormente l’esperienza che i bambini potranno fare dello spettacolo dal vivo. È un ulteriore elemento volto a rafforzare la mission che condividiamo con il Teatro Duse e che punta a formare il pubblico di domani”.

Entrambe le rassegne fanno parte di Bologna Estate 2022, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna - Territorio Turistico Bologna-Modena, e del DUSEgiovani, il progetto che il Duse, con il contributo della Regione Emilia-Romagna, dedica alle nuove generazioni di artisti e spettatori.

UN’ESTATE…MITICA! (ore 20.45)

14, 15, 16 giugno | ULISSE, l'eroe che superò mille avventure

Tra effetti speciali e trovate sceniche, il poema omerico va in scena in un adattamento dinamico e coinvolgente, incentrato sul tema della riconquista dei valori originali e del superamento dei pericoli. Ulisse vorrebbe ritornare agli affetti familiari e alla nativa Itaca, ma il dio del mare Poseidone gli scatena contro tempeste e imprevisti di ogni tipo, costringendolo a innumerevoli peripezie.  Nel corso del suo lungo viaggio, Ulisse si imbatte nei mangiatori di Loto, i Ciclopi, il dio del vento Eolo, la potente maga Circe, le temibili e seducenti sirene. Alla fine, l’eroe riuscirà a tornare ad Itaca, ma prima dovrà fare i conti con i Proci che, in sua assenza, hanno tiranneggiato sull’isola.

21, 22, 23 giugno | ICARO, il ragazzo che riuscì a volare

Icaro è il figlio del famoso architetto Dedalo, inventore del labirinto dell’isola di Creta in cui è rinchiuso il Minotauro. Per evitare che i segreti dell’edificio vengano svelati, il re di Creta, Minosse, rinchiude padre e figlio all’interno del labirinto, insieme al mostro. Per scappare, Dedalo costruisce delle ali e le fissa al corpo del figlio con della cera. Malgrado gli avvertimenti del padre di non volare troppo alto, Icaro si fa prendere dall’ebbrezza del volo e finisce per avvicinarsi troppo al sole. Fantateatro propone questo celebre mito sul superamento dei propri limiti con poesia e delicatezza.

28, 29, 30 giugno | ARIANNA e il suo filo

Per sfamare il Minotauro, il terribile mostro che vive in un gigantesco labirinto sull’isola di Creta, il re Minosse pretende che, ogni nove anni, gli ateniesi mandino a Creta sette fanciulli e sette fanciulle. Una sventura contro cui decide di battersi Teseo, figlio del re di Atene. Offrendosi tra le vittime, con l’intento di uccidere il mostro, Teseo parte per Creta. Giunto sull’isola, il ragazzo incontra Arianna, figlia di Minosse, e se ne innamora. La fanciulla decide così di aiutarlo dandogli un gomitolo di filo. Srotolando il gomitolo nell’avanzare, il filo permetterà al giovane eroe di ritrovare l’uscita dal labirinto e compiere l’impresa. Fulcro della storia è Arianna, figura femminile di grande forza e fascino per gli spettatori di ogni età.

5, 6, 7 luglio | ERA, ATENA, AFRODITE e il pomo della discordia

Per sottrarsi all’arduo compito di decretare chi sia la più bella tra le dee Atena, Afrodite e Era, Zeus decide di coinvolgere un giovane principe mortale: Paride, figlio del re di Troia Priamo. Fantateatro racconta questo celebre mito sulla vanità e la rivalità al femminile con una vena comica che non è solo un tratto distintivo della compagnia, ma anche una chiave di lettura della storia in grado di divertire e al tempo stesso innescare la riflessione nei piccoli spettatori.

12, 13, 14 luglio | EROS E PSICHE, la favola d'amore più bella di tutti i tempi

Amore e Psiche’ è la più nota delle fiabe contenute ne ‘Le metamorfosi’ di Apuleio e narra della giovane Psiche, la più bella di tre sorelle. L’avvenenza della ragazza è tale da suscitare l’ira della più vanitosa tra le dee: Afrodite. Accecata dall’invidia, la dea della bellezza decide di e chiede al figlio Eros di aiutarla. Il suo piano è fare innamorare Psiche di un uomo di umili condizioni. Il dio dell’Amore accetta il compito assegnatogli da Afrodite ma, appena vede Psiche, ne rimane talmente affascinato da innamorarsene egli stesso perdutamente. Fantateatro affronta questa storia incantando il pubblico con un linguaggio tenero e commovente.

6, 7, 8 settembre | GIASONE E GLI ARGONAUTI alla ricerca del vello d'oro

Al centro della storia c’è la rocambolesca avventura di Giasone e della sua ciurma, gli Argonauti, che partono alla ricerca del vello d’oro a bordo della mitica nave Argo. Giasone è ancora un bambino quando il padre Esone, re di Iolco viene privato del trono da suo fratello Pelia, re dei Tessali. Divenuto adulto, Giasone si presenta dallo zio Pelia per reclamare il trono che gli spetta. Nella convinzione che avrebbe fallito e non sarebbe più tornato, lo zio gli affida una missione molto pericolosa: conquistare il vello d’oro, ovvero il manto di un ariete sacro a Zeus che si trova appeso ad una quercia e viene sorvegliato da un drago. Accompagnato da una cinquantina di eroi, i famosi Argonauti, Giasone parte al comando della nave Argo e affronta terribili pericoli per conquistare il vello d’oro.

FANTATEATRO DANZA (ore 18.00)

13, 14, 15 settembre | PIERINO E IL LUPO

Nuova magica versione danzata della celeberrima opera di Prokofiev. Il protagonista è Pierino che, aiutato da un uccellino, una papera e un gatto riuscirà a catturare il temibile lupo. Nell’opera, scritta da Prokofiev proprio per avvicinare i bambini alla musica classica, ogni strumento rappresenta un personaggio della storia. Così, il flauto con i suoi trilli dà voce agli svolazzamenti dell’uccellino, l’oboe interpreta l’andamento lento e goffo dell’anatra e il gatto parla tramite il timbro vellutato del clarinetto. E ancora, lo spaventoso ululato del lupo è affidato al suono di tre corni, mentre il passo saltellante di Pierino è narrato da tutta la famiglia degli archi. Infine, i cacciatori con i loro fucili, affidati al fragore dei timpani e della grancassa.

21, 22, 23 settembre | IL LAGO DEI CIGNI

Fantateatro porta sul palco uno dei più amati grandi classici del balletto, amatissimo per le musiche sentimentali e brillanti composte da Tchaikovsky. Tra favola e sogno, gli attori della compagnia daranno vita al valzer della festa al castello, alla saltellante danza dei cignetti, alla sontuosa danza della regina dei cigni, Odette, costretta a separarsi dal suo amato Sigfrido sul far del giorno per ritornare al lago e riprendere le sembianze di cigno. Non mancherà un romantico lieto fine, con i due giovani protagonisti che si dichiarano eterno amore.

 

BIGLIETTI     Posto unico:  11 euro

BIGLIETTERIA

Teatro Duse: Da 30 minuti prima dell'inizio dello spettacolo
Via Cartoleria, 42 Bologna - Tel. 051 231836 - biglietteria@teatroduse.it

Compagnia Fantateatro: Dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 16.00
Via Giuseppe Brini, 29 Bologna - Tel. 051 0395670 - info@fantateatro.it

Onlineteatroduse.it e vivaticket.it


Tommaso Paradiso al Teatro EuropAuditorium

Vivo Concerti presenta
TOMMASO PARADISO in SPACE COWBOY TOUR

GIOVEDÌ 7 e VENERDÌ 8 APRILE 2022 ore 21.00

Il 7 e l’8 aprile Tommaso Paradiso porterà il suo Space Cowboy Tour al Teatro EuropAuditorium di Bologna.

Il concerto, in precedenza organizzato all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (BO) il 3 aprile 2022, è posticipato e si terrà al Teatro EuropAuditorium a causa delle norme vigenti legate alla capienza dei palazzetti.

I biglietti acquistati devono essere convalidati su Clappit, dalle ore 14.00 del 24 febbraio alle ore 23.59 del 13 marzo, per essere considerati validi per le nuove date.

La conferma definitiva e il tagliando segnaposto numerato con la dettagliata assegnazione del nuovo posto e data verranno comunicati agli utenti dal sito di Clappit a partire dal 17 marzo.

Dalle ore 14.00 del 16 marzo sarà possibile acquistare i nuovi biglietti per il concerto attraverso il circuito Ticketone.

Maggiori informazioni: https://bit.ly/3LVtmf3

02/22/22 · TOMMASO PARADISO : LO SPACE COWBOY TOUR CAMBIA DATE E VENUE

TOMMASO PARADISO
A causa delle norme vigenti legate alla capienza dei palazzetti, lo Space Cowboy Tour cambia date e venue.

*NUOVO CALENDARIO

25 - 26 marzo 2022 || Jesolo (VE) @ PalaInvent
ex 26 marzo 2022 (VE) @ PalaInvent

29 marzo 2022 || Napoli @ Teatro PalaPartenope
ex 31 marzo 2022 Napoli @ PalaPartenope

31 marzo - 1 aprile 2022 || Bari @ Teatro Team
 ex 29 aprile 2022 Bari @ PalaFlorio

4 - 5 aprile 2022 || Torino @ Teatro Colosseo
ex 10 aprile 2022 Torino @ Pala Alpitour

7 - 8 aprile 2022 || Bologna @ Teatro EuropAuditorium
 ex 3 aprile 2022 Casalecchio di Reno (BO) @ Unipol Arena

12 - 13 aprile 2022 || Firenze @ Teatro Verdi
 ex 29 marzo 2022 Firenze @ Nelson Mandela Forum

15, 16 aprile - 4 maggio 2022 || Milano @ Teatro degli Arcimboldi
 ex 22 aprile 2022 Assago (MI) @ Mediolanum Forum

21 - 22 - 28 - 29 aprile 2022 || Roma @ Auditorium Conciliazione
 ex 7 aprile 2022 Roma @ Palazzo Dello Sport

21 agosto 2022 || Roccella Jonica (RC) @ Teatro Al Castello
ex 7 maggio 2022 Reggio Calabria @ PalaCalafiore

26 agosto 2022 || Taormina (ME) @ Teatro Antico
ex 3 maggio 2022 Catania @ PalaCatania

- HAI UN BIGLIETTO E VUOI ANCORA PARTECIPARE ALL'EVENTO?
biglietti acquistati devono essere necessariamente convalidati su Clappit (a eccezione della data dì Napoli) dalle 14.00 del 24 febbraio alle 23.59 del 13 marzo per essere considerati validi. 
La conferma definitiva e il tagliando segnaposto numerato con la dettagliata assegnazione del nuovo posto e data ti verranno comunicati al dal sito di Clappit a partire dal 17 marzo.
- HAI UN BIGLIETTO MA NON VUOI PIÙ PARTECIPARE ALL'EVENTO?
Chi non intende usufruire del biglietto già acquistato, ha tempo dal 24 febbraio fino al 13 marzo per presentare su www.rimborso.info la richiesta di rimborso monetario.
In alternativa, è sempre possibile rivendere il proprio titolo d'ingresso su Fansale.it, il mercato TicketOne per lo scambio di biglietti.
- NON HAI ANCORA UN BIGLIETTO? 
A partire dalle 14.00 del 16 marzo vai su TicketOne e acquista il tuo biglietto!

Per ulteriori informazioni scrivere a info@vivoconcerti.com

 

La biglietteria del Teatro EuropAuditorium è aperta dal lunedì al sabato, dalle ore 15.00 alle ore 19.00, e martedì e giovedì anche dalle ore 11.00 alle ore 13.00 (Piazza Costituzione 5/f,Bologna – info@teatroeuropa.it – 051.372540).

Teatro EuropAuditorium

December Sevens Duemila Srl
P.zza Costituzione 4
40128 Bologna

Tel: 051.372540 Fax: 051.7098738

www.teatroeuropa.it


Stasera gioco in casa con Gianni Morandi - nuova data 17 marzo

‘STASERA GIOCO IN CASA’

GIANNI MORANDI AL TEATRO DUSE DI BOLOGNA

Si aggiunge una nuova data, il 17 marzo, alla residency di Gianni Morandi in esclusiva nazionale al Teatro Duse di Bologna. Il concerto ‘Stasera gioco in casa’ del 17 marzo (ore 21) sarà il 36° in scena sullo storico palcoscenico bolognese, dove Gianni debuttò nel 1964, ad appena 19 anni. La nuova data vuole rispondere all’entusiasmo del pubblico che, dal debutto del 1° novembre 2019 fino ad oggi, ha accolto lo spettacolo di Morandi con una serie ininterrotta di sold-out.  Sono pochissime, infatti, le poltrone ancora disponibili per le date del 10, 12, 13 marzo 2022, annunciate solo pochi giorni fa.

Le prevendite per la nuova data del 17 marzo sono aperte presso la biglietteria del Teatro Duse, on line e nei punti vendita del circuito Vivaticket (info teatroduse.it).

Dopo quasi due anni di stop dovuto alla pandemia e l’incidente domestico con il fuoco, Morandi è tornato a cantare al Duse il 19 gennaio 2022, con il live in cui interpreta tutti i suoi più grandi successi e racconta i momenti più emozionanti della sua carriera artistica. Ad accompagnarlo in scena ci saranno, come sempre, Alessandro Magri al pianoforte ed Elia Garutti alla chitarra. In scaletta al Duse, non mancherà ‘Apri tutte le porte’il brano scritto da Lorenzo Jovanotti, che gli è valso il terzo posto e il premio della Sala Stampa ‘Lucio Dalla’ al 72esimo Festival di Sanremo.

MORMORA MUSIC

Gianni Morandi

STASERA GIOCO IN CASA

pianoforte ALESSANDRO MAGRI

chitarra ELIA GARUTTI

foto ANGELO TRANI

Il brano 'Stasera gioco in casa' è di PAOLO ANTONACCI

TUTTE LE DATE

17 marzo 2022 – NUOVA DATA

10, 12, 13 marzo 2022

26, 27 febbraio 2022

(Inizio spettacoli: ore 21, domenica ore 16)

BIGLIETTI

Intero

Prima platea                                          79 euro

Seconda platea                                     64 euro

Barcacce di platea                                 64 euro

Prima galleria e palchi                           54 euro

Barcacce di primo ordine                       54 euro

Palchi con visibilità ridotta                      39 euro

Seconda galleria                                     39 euro

Loggione e seconda galleria laterale      29 euro

BIGLIETTERIA

Teatro Duse - Via Cartoleria, 42 Bologna - Tel. 051 231836 - biglietteria@teatroduse.it

Dal martedì al sabato, dalle ore 15 alle 19 e da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

On line: teatroduse.it | Vivaticket.it


Gianni Morandi torna con Stasera gioco in casa

GIANNI MORANDI TORNA SUL PALCO DEL TEATRO DUSE

DAL 19 GENNAIO RIPRENDE LA MARATONA DI CONCERTI ‘STASERA GIOCO IN CASA’

Teatro Duse - Bologna, via Cartoleria 42

Dopo quasi due anni, termina l’attesa per i fan di Gianni Morandi che, dal 19 gennaio 2022, torna a cantare sul palco del Teatro Duse di Bologna, riprendendo il filo dei suoi concerti ‘Stasera gioco in casa’, sospesi a causa della pandemia.  

Sono sei le date di recupero da segnare in agenda: 19, 20, 25, 27 gennaio, 8 e 9 febbraio (ore 21). Tutti i biglietti precedentemente acquistati restano, pertanto, validi per le nuove date.

La maratona di live, iniziata il primo novembre 2019, in esclusiva nazionale sullo storico palcoscenico bolognese, e accolta da 23 sold-out, venne interrotta dopo l’ultimo concerto del 20 febbraio 2020, alla vigilia del primo lockdown. Il 15 giugno 2020, Gianni Morandi fu il primo a tornare in scena al Duse per una serata speciale, a ingresso libero, fortemente voluta dall’artista come evento simbolico a sostegno della ripresa dello spettacolo dal vivo.

Ora, finalmente, si volta pagina e il viaggio nel mondo Morandi può ripartire, non senza alcune sorprese. Lo spettacolo promette, infatti, nuove emozioni grazie ad una scaletta rivista e aggiornata.

Oltre ai suoi più grandi successi e al racconto dei momenti più importanti della sua vita, Gianni condividerà con il pubblico alcune delle sue riflessioni più recenti e interpreterà live anche il brano ‘L’allegria’, scritto per lui da Lorenzo Jovanotti.

La canzone, uscita a luglio 2021 e diventata immediatamente una hit, è una sorta di inno alla rinascita, un brano scanzonato e pieno di entusiasmo, accolto da tutti come una spinta positiva a ripartire dopo le difficoltà.

Ed è proprio questo lo spirito con cui Gianni tornerà a cantare per il suo pubblico, sul palcoscenico della sua città.

Sono davvero felice di poter tornare, finalmente, sul palco del mio amato Teatro Duse, dove ho passato momenti bellissimi e serate indimenticabili – dice Gianni Morandi – Non vedo l’ora di tornare a cantare su quel palcoscenico per ritrovare quell’energia unica che vivo insieme al pubblico. Credo che sarà un’emozione incredibile questa volta perché, proprio tra un concerto e l’altro, sarò sul palco di Sanremo”.

Ad accompagnare Gianni Morandi in scena ci saranno Alessandro Magri al pianoforte ed Elia Garutti alla chitarra.

Le ultimissime poltrone per ‘Stasera gioco in casa’ sono disponibili on line e presso i punti vendita del circuito Vivaticket. Ulteriori informazioni su teatroduse.it.

MORMORA MUSIC

Gianni Morandi

STASERA GIOCO IN CASA

pianoforte ALESSANDRO MAGRI

chitarra ELIA GARUTTI

foto ANGELO TRANI

Il brano 'Stasera gioco in casa' è di PAOLO ANTONACCI

DATE (recuperi Stagione 2019/2020)

19, 20, 25, 27 gennaio 2022
8 e 9 febbraio 2022

BIGLIETTI

Intero          

Prima platea                                          79 euro

Seconda platea                                     64 euro

Barcacce di platea                                 64 euro

Prima galleria e palchi                           54 euro

Barcacce di primo ordine                       54 euro

Palchi con visibilità ridotta                      39 euro

Seconda galleria                                   39 euro

Loggione e seconda galleria laterale      29 euro

BIGLIETTERIA

Teatro Duse - Via Cartoleria, 42 Bologna - Tel. 051 231836 - biglietteria@teatroduse.it

Dal martedì al sabato, dalle ore 15 alle 19 e da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

On line: teatroduse.it | Vivaticket.it


Annullato lo spettacolo "Figlie di Eva"

Figlie di Eva

Spettacolo annullato

Lo spettacolo Figlie di Eva con Maria Grazia CucinottaVittoria Belvedere e Michela Andreozzi, in programma venerdì 21 e sabato 22 gennaio 2022 al Teatro Celebrazioni di Bologna, è annullato.

Di seguito le parole che la produzione della pièce, Bis Tremila, indirizza al pubblico.

Spettabili Spettatrici e Spettatori,
a malincuore siamo costretti a interrompere la tournée dello spettacolo Figlie di Eva. La diffusione della pandemia e le continue segnalazioni di contatti a rischio tra i membri della compagnia, non ci consentono di garantire le repliche in sicurezza. Siamo profondamente dispiaciuti di annullare uno spettacolo di così grande successo, ma le condizioni di incertezza a cui noi tutti siamo sottoposti sono diventate ormai ingestibili. Speriamo tutti di tornare presto alla normalità e di poter riprendere le repliche con lo spirito e l’entusiasmo di sempre. Ci scusiamo per il disagio.
Bis Tremila

Sarà possibile richiedere il rimborso dei biglietti acquistati entro e non oltre mercoledì 26 gennaio 2022 attraverso il circuito di vendita su cui si è effettuato l’acquisto.

Per maggiori informazioni: 051 4399123  info@teatrocelebrazioni.it


Ranieri al Teatro EuropAuditorium

Domenica sera, ho assistito al concerto svolto a bologna da Massimo Ranieri.

Massimo Ranieri e’ musica e teatro in modo sinergico ma la sua “teatralita’ e l’energia che da sempre contraddistingue il “Massimo nazionale” e’ stata ancora una volta ,per una nuova serata, ricca di magia e di coinvolgimento.
Si proprio cosi’, perche’ il pubblico presente, al Teatro Europauditorium di Bologna, domenica sera era composto  di 3 generazioni, dai 20 agli 80 anni.

Tutto il pubblico era ammaliato  dalla geniale e seducente perfomance del cantante prestato al teatro e viceversa.
Massimo Ranieri è stato sempre un grande uomo da palcoscenico e con gli anni è solo ringiovanito, balla e canta come solo un giovane sa e puo’ fare.
Una serata veramente speciale per un pubblico che aveva voglia di evasione, di  cantare insieme all’artista e soprattutto di sorridere…dopo 2 anni ne avevamo tutti quanti bisogno.

 

Adolfo Rinaldi

 

Scopri lo spettacolo della recensione, Sogno e son desto 500 volte >


La giovinezza è sopravvalutata RINVIATO al 4 maggio 2022

RINVIATO AL 4 MAGGIO LO SHOW DI PAOLO HENDEL AL TEATRO DUSE DI BOLOGNA

 ‘LA GIOVINEZZA È SOPRAVVALUTATA’

Rinviato dal 1 dicembre 2021 al 4 maggio 2022 | ore 21 

Teatro Duse di Bologna, via Cartoleria 42

 

Cambio di data per lo spettacolo ‘La giovinezza è sopravvalutata’ con Paolo Hendel al Teatro Duse di Bologna. Per sopraggiunti e inderogabili impegni dell’artista, lo show previsto per il primo dicembre 2021 è rinviato al 4 maggio 2022, sempre alle ore 21. 

Avvalendosi della preziosa e irrinunciabile complicità del coautore Marco Vicari e del regista Gioele Dix, Hendel si racconta con una sincerità disarmante e, attraverso un’esilarante carrellata di commenti web di ‘utenti indignati’, racconta l’Italia di oggi

Le paure, le debolezze, gli errori di gioventù sommati agli ‘errori di maturità’ sono, per il comico, una continua occasione di gioco nel quale è impossibile non rispecchiarsi, ciascuno con la propria vita, la propria esperienza e la propria sensibilità, in una risata liberatoria.

E se la giovinezza è in qualche modo sopravvalutata, Hendel non vuole essere frainteso e precisa: “sono comunque contento di essere stato giovane, mi sono trovato bene, mi è piaciuto e se mi dovesse ricapitare lo rifarei anche volentieri”.

Quello che conta, insomma, è mantenere viva, a qualsiasi età, la curiosità, l’interesse e la passione, come dimostra lo stesso Hendel che calca con fanciullesco entusiasmo e rinnovata energia il palcoscenico, sua seconda casa da ormai oltre trent’anni.

 

AGIDI

Paolo Hendel

LA GIOVINEZZA È SOPRAVVALUTATA

di PAOLO HANDEL, MARCO VICARI

regia GIOELE DIX

 

BIGLIETTI

Intero Ridotto Mini

Platea 27 euro 24,50 euro 23 euro

Prima galleria e palchi 23 euro 20,50 euro 19,50 euro

Prima galleria con visibilità ridotta 19 euro 17 euro 16 euro

Seconda galleria 19 euro 17 euro 16 euro

 

BIGLIETTERIA 

Teatro Duse - Via Cartoleria, 42 Bologna - Tel. 051 231836 - biglietteria@teatroduse.it

Dal martedì al sabato, dalle ore 15 alle 19 e da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

On line: teatroduse.it | Vivaticket 


Alice canta Battiato al teatro Duse di Bologna

ALICE CANTA BATTIATO AL TEATRO DUSE DI BOLOGNA
CON LA FILARMONICA DELL’OPERA BRUNO BARTOLETTI
M° CARLO GUAITOLI direzione d’orchestra e pianoforte

13 aprile 2022 | ore 21
Teatro Duse di Bologna, via Cartoleria 42

Prevendite aperte per il concerto Alice canta Battiato che andrà in scena il 13 aprile 2022 alle ore 21, al Teatro Duse di Bologna. Il tour, partito l’anno scorso, ha consacrato Alice come l’unica grande interprete della musica e delle parole di Franco Battiato, spentosi il 18 maggio 2021. In questi concerti speciali, pensati come eventi unici solo per alcuni teatri, Alice omaggia il maestro siciliano con autenticità ed eleganza, in virtù di una profonda amicizia e di una collaborazione iniziata fin dagli esordi, ma soprattutto di quell’affinità artistica e spirituale che da sempre li lega.
Sul palco Alice è accompagnata dal M° Carlo Guaitoli che dirigerà, per l’occasione, la Filarmonica dell’Opera Bruno Bartoletti, orchestra che ha suonato tra l’altro per ‘Invito al viaggio’, il concerto evento, tributo a Battiato, andato in scena lo scorso settembre all’Arena di Verona.

"Il compositore e autore che sento più vicino e affine, non solo musicalmente, è sicuramente Franco Battiato e da molto tempo, nei vari progetti live e discografici, canto le sue canzoni, quelle a cui sento di poter aderire pienamente” spiega Alice che già nel 1985 gli rese omaggio con l'album ‘Gioielli rubati’. “Questo programma – prosegue - in qualche modo ne è il naturale proseguimento. Una versione dei brani con i bellissimi arrangiamenti e rielaborazioni per pianoforte e orchestra del pianista Maestro Carlo Guaitoli, con cui
condivido il programma e che sarà con me sul palco, già stretto collaboratore di Franco Battiato da alcuni decenni anche come direttore d'orchestra".
“Interpreto canzoni che appartengono ai suoi diversi periodi compositivi, alcune mai cantate prima d'ora e altre che abbiamo cantato insieme per la prima volta nel 2016, nel Tour Battiato e Alice” anticipa l’artista, specificando “non ho potuto fare a meno di una breve incursione anche nelle sue cosiddette canzoni mistiche, senza dimenticare quelle nate dalle nostre numerose collaborazioni, a partire dal 1980, e che abbiamo scritto insieme come ‘Per Elisa’, i nostri duetti oserei dire storici e anche i brani che Franco ha scritto più recentemente per me, come ‘Eri con me’ e ‘Veleni’, inclusi rispettivamente nei miei ultimi album ‘Samsara’ e ‘Weekend’. “Ora più che mai – conclude - è mio profondo desiderio essere semplice strumento insieme a Carlo Guaitoli, per quel che possiamo cogliere e accogliere, di ciò che Franco Battiato ha trasmesso attraverso la sua musica e i suoi testi, in questo suo straordinario passaggio sulla terra."

STAGIONE 2021/2022

Ufficio Stampa Teatro Duse: Marina Brancaccio | stampa@teatroduse.it | Mob. +39 339 3439975
Ufficio 051 226606 | Teatro Duse Srl Impresa Sociale | via Castellata, 7 | 40124 Bologna | teatroduse.it
BIGLIETTI

Intero
Platea 52 euro
Prima galleria e palchi 45 euro
Prima galleria (visibilità ridotta) 35 euro
Seconda galleria 35 euro

BIGLIETTERIA
Teatro Duse - Via Cartoleria, 42 Bologna - Tel. 051 231836 - biglietteria@teatroduse.it
Apertura al pubblico: dal lunedì al sabato, dalle ore 15 alle 19 e da un’ora prima dell’inizio
degli spettacoli.
Biglietteria telefonica: fino al 12 novembre 2021, dal lunedì al venerdì, dalle ore 11 alle 13.
On line: teatroduse.it | Vivaticket


La Città e gli Scambi - Teatro Laura Betti di Casalecchio

“LA CITTÀ E GLI SCAMBI”

IL TEATRO “LAURA BETTI” DI CASALECCHIO RITROVA IL SUO PUBBLICO A PARTIRE DAL 14 OTTOBRE

Da ottobre ad aprile 13 titoli in cartellone: danza, musica, teatro d’autore. Tra i protagonisti in scena: CollettivO CineticO, Ravenna Teatro, Danio Manfredini, César Brie, Silvia Gribaudi

DAL 6 OTTOBRE AL VIA LA VENDITA DEI BIGLIETTI AL PUBBLICO

(Casalecchio, 30 settembre 2021)

 

“La città e gli scambi” questo il titolo della Stagione 2021/22 del Teatro Comunale Laura Betti di Casalecchio di Reno, un titolo-manifesto che sottende non solo il concetto di apertura degli spazi teatrali cittadini, ma anche la volontà di incontrarsi, interagire, dialogare, mettersi in gioco, essere capaci di resistere a questi tempi pandemici.

Il ricco cartellone ritorna alla ritualità del teatro d’attore, di drammaturgia e di regia con alcune proposte nuovissime per l’Emilia-Romagna, continuando a portare la grande danza contemporanea e la musica di qualità anche grazie a una serie di intersezioni con i progetti regionali di ATER Fondazione, in cui il Teatro Laura Betti è quasi sempre coinvolto. Da E’ BAL – palcoscenici per la danza contemporanea, il nuovo cartellone della danza regionale, a BIGLIA – Palchi in pista, il nuovo circuito regionale musicale, il Teatro di Casalecchio allarga la sua rete di partner, mantenendo una forte vocazione contemporanea e di impegno civile, una grande vicinanza con i diversi pubblici di riferimento e una propensione per gli approfondimenti e gli incontri.

La stagione 2021-2022 si apre giovedì 14 ottobre alle ore 18,30 con la prova aperta “Manifesto cannibale, Esercizi di pornografia vegetale” di Collettivo Cinetico, una delle realtà più innovative della scena di danza contemporanea. La compagnia sarà ospite a Casalecchio dal 4 al 17 ottobre per una residenza creativa in vista del debutto di Manifesto Cannibale al RomaEuropa Festival. L’evento è nell’ambito del focus sulla compagnia “A chi trema. Antologia cinetica dei tempi imperfetti”, parte del progetto E’ BAL- palcoscenici per la danza contemporanea di ATER Fondazione.

Venerdì 5 novembre l’appuntamento è con “fedeli d’Amore”, ideazione e regia di Marco Martinelli ed Ermanna Montanari di Ravenna Teatro, valso ad Ermanna Montanari il Premio Ubu 2018 come miglior attrice. “fedeli d’Amore” è un ‘polittico in sette quadri’, raccolti dalla voce della Montanari che ne sa contenere innumerevoli. In una scena generata da un'alchimia vocale, sonora, visiva e drammaturgica capace di fondere psiche e mondo, si evoca Dante nell'abbracciare una sola salvezza: Amore è ciò che ci fa ribelli, l’unica forza che libera ed eleva. Lo spettacolo è inserito in un progetto di rete tra quattro teatri gestiti da ATER Fondazione intitolato Sulla via Emilia nel nome di Dante, di cui il Teatro Laura Betti è capofila e che verrà comunicato in un secondo momento.

Da mercoledì 24 a venerdì 26 novembre, sarà la volta di un’installazione audio-visiva ad opera del collettivo artistico bolognese Saveria Project. “Odio gli indifferenti/I can’t breath” è un lavoro nato da un’indagine sul senso della Resistenza oggi, per le giovani generazioni. Chi sono i nuovi partigiani? L’installazione permetterà, tramite un tablet, di vedere con la tecnica della Realtà Aumentata le interviste, di entrare nelle manifestazione del Black Live Matters, di sentire voci di donne e uomini impegnate, oggi, contro ogni forma di discriminazioni. L’installazione, aperta al pubblico durante la giornata dalle 14 alle 22, anticipa lo spettacolo dal vivo Nella stanza di Remo che verrà presentato in stagione in aprile, nel corso delle Celebrazioni per la Liberazione.

La programmazione prosegue venerdì 10 dicembre, con la produzione del Teatrino Giullare,
“Giorni felici” di Samuel Beckett. Un lavoro concepito durante il periodo di quarantena per la diffusione del Covid 19 sotto forma di pillole quotidiane e diventato successivamente un cortometraggio. Il lavoro viene presentato a Casalecchio in versione live, con i due autori e registi incastrati in un divano a trascorrere, come Winnie e Willie, i loro giorni felici. Un piccolo capolavoro di fantasia e intelligenza vincitore del premio Rete Critica 2020 e il Premio Hystrio Digital Stage con cui ATER Fondazione partecipa insieme ad altri teatri bolognesi a TEATRINO GIULLARE VENTICINQUE ANNI un progetto per la condivisione pubblica di un percorso artistico originale e coronato da grandi successi.

Il 2022 si apre, sabato 15 gennaio, con la musica hip hop o meglio con le sue radici più profonde: “RIDIRE - Parole a fare male” con la regia di Pino Carbone, è un viaggio intorno alla vita e ai testi di Luca Persico ovvero ‘O Zulù, cuore pulsante dello storico gruppo partenopeo 99 Posse. Il cantante si mette in discussione sotto vari aspetti: nel calcare un palco così diverso da quelli a cui è abituato senza snaturarsi, si racconta a cuore aperto e soprattutto riprende in mano quel patrimonio di parole scritte da trent’anni a questa parte per dargli una forma nuova. Sul palco con lui, il violinista Edo Notarloberti e l’attrice Francesca De Nicolais.

In occasione della giornata della memoria, giovedì 27 gennaio, arriva Danio Manfredini, previsto già per la scorsa stagione con “Nel lago del cor”, un titolo mutuato dal primo canto dell’Inferno di Dante in cui il poeta descrive la paura e l’angoscia provate nella “selva oscura”. Un luogo dell’anima per Dante, luoghi fin troppo reali quelli descritti nello spettacolo di Manfredini: i lager che rappresentano la ferocia dell’uomo, simboli di terrore e sofferenza, di quello smarrimento esistenziale e spirituale mai provato altrove. La musica, composta ed eseguita dal vivo da Francesco Pini, le immagini e i movimenti accompagnano le parole nel lavoro di Manfredini.

Martedì 8 febbraio 2022, Carrozzeria Orfeo presenta “Miracoli metropolitani”. Lo spettacolo si svolge all’interno di una vecchia carrozzeria riadattata a cucina, specializzata in cibo a domicilio per intolleranti alimentari. Fuori imperversa l’allarme di una guerra civile. Il mondo è diventato un luogo inaffidabile, intollerante e meschino. La popolazione è inoltre terrorizzata da un pericolo imminente che potrebbe portare l’umanità alla deriva. Miracoli metropolitani è il racconto di una solitudine sociale e personale, in cui il disfacimento di una civiltà, la dissoluzione delle relazioni e dell’amore, l’azzeramento del ragionamento e del vero “incontro” hanno lasciato il posto a dinamiche sempre più malate tra le quali un’insensata autoreclusione nel mondo parallelo del web.

Appuntamento con la tragedia greca, ma in chiave comica con I Sacchi di Sabbia e Massimiliano Civica che sabato 19 febbraio, porteranno sul palcoscenico “7 CONTRO TEBE” da Eschilo, una delle tragedie più arcaiche. La compagnia affronta il tragico con le tecniche del comico, mescolando alto e basso senza soluzione di continuità, "costringendo" lo spettatore a disposizioni emotive sempre diverse e a perdersi nell'immaginario greco. Lo spettacolo sarà accompagnato, in matinée per le scuole superiori, dagli altri due titoli della trilogia greca, “Dialoghi degli dei” di Luciano di Samosata e “Andromaca” di Euripide.

Venerdì 25 febbraio sul palcoscenico del Teatro approda finalmente la danza. Tre danzatrici della Compagnia Abbondanza Bertoni condurranno il pubblico sulle musiche di Schubert de “La morte e la fanciulla”. Il tema della morte viene accompagnato da giovani figure femminili mediante un incontro-scontro tra il piano coreografico “live” e lo schermo che restituisce l’immagine che la morte ha di noi. La danza viene colta dai due coreografi nel suo aspetto più transitorio e crepuscolare, mentre il tutto è avvolto da un esempio di musica che aspira all’infinito e accompagna l’ascoltatore oltre un’idea razionale, verso l’ignoto e il trascendente.

Venerdì 4 e sabato 5 marzo alle ore 21 , Corps Citoyen, collettivo artistico pluridisciplinare basato tra Tunisi e Milano presenta “Gli altri لخرین”. È un lavoro all’inizio leggero e ironico sulla percezione dell'Altro, che rivela un dispositivo scenico ibrido: immagini e canzoni banali, volgari e dirette si alternano a storie radicate nel profondo della nostra mentalità e identità occidentale. Grazie a un dispositivo che mescola armoniosamente commedia e tragedia, finzione e realtà, autobiografia e bio-fiction, testimonianza e invenzione, GLI ALTRI لخرین vuole rivelare il paternalismo coloniale nascosto sotto mentite spoglie e allo stesso tempo riaffermare il diritto alla sua necessaria presenza in scena.

Lunedì 21 marzo, giorno dedicato alle vittime innocenti di mafia, arriva César Brie con i fantasmi di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e le rispettive mogli a ricostruire le loro vicende personali e pubbliche di fronte al pentito Tommaso Buscetta. Nello spettacolo “Nel tempo che ci resta” c’è la lotta alla mafia, la trattativa stato - mafia, l’isolamento, le menzogne, il senso di dovere e l’amore intrecciate a una ricostruzione immaginifica propria del regista argentino. I personaggi in scena sono fantasmi, che ricordano, denunciano, si interrogano, in un amaro e lucido viaggio attraverso quello che è loro successo e quello che è successo dopo la loro morte. Il 22 marzo alle ore 10:30 replica per le scuole.

Venerdì 1 aprile l’appuntamento è con la nota coreografa e performer Silvia Gribaudi che porta a Casalecchio “MON JOUR!”. Un lavoro che debutterà a Torino danza a ottobre 21, composto da 2 danzatori, 1 clown/attore e 2 acrobati sollecitati dalla Gribaudi, in dialogo dalla platea con i performer, a esplorare il rapporto tra corpo e comicità, tra disegno ed estetica. La messa in scena, accesa dai disegni pop dall’artista Francesca Ghermandi, rende permeabili i confini tra artisti e regista, scompagina gli ordini e i ruoli, diviene un urlo che mette al centro la fragilità umana come punto di forza, la fallibilità come potere rivoluzionario, l’inaspettato come possibilità di vedere oltre ai limiti previsti.

Mercoledì 20 aprile ritornano i Saveria Project con “La stanza di Remo”, uno spettacolo che sviluppa il dialogo tra i vecchi partigiani superstiti e i ragazzi del Blake Lives Matters di Bologna. La stanza di Remo è un luogo in cui i ricordi di un partigiano, prigioniero politico nel campo di concentramento di Bolzano, si intrecciano con le esperienze di altre donne e uomini che hanno fatto la Resistenza. Ma è anche il luogo dove il bisogno di lotta dei ventenni di oggi, che si battono contro le discriminazioni razziali e di genere, si incontra con quello delle generazioni passate. Attorno a quella stanza e al suo ricordo, si snodano le vite di tre attori che stanno scrivendo uno spettacolo, chiedendosi cosa voglia dire vivere senza essere indifferenti.

Mercoledì 27, giovedì 28 e venerdì 29 aprile tre repliche per “Pane e petrolio” di Ravenna Teatro/Le Ariette, un omaggio al mondo contadino e operario dal quale provengono i protagonisti. Il pane, la terra, la campagna di Paola Berselli e Stefano Pasquini si confrontano con le raffinerie, le piattaforme, le ciminiere e i fumi velenosi della Ravenna di Luigi Dadina. La cucina è al centro di questo lavoro che crea un quadrilatero di racconti biografici, momenti e parole d’infanzia mentre si muovono grembiuli e mattarelli, fornelli e tegami, la sfoglia da tirare e taglieri da riempire, tra pentole che sbuffano fumi profumati e nostalgie. Le Ariette tornano a teatro con la dimensione della tavola come rituale sociale collettivo e condiviso, dedicando questo lavoro a Pierpaolo Pasolini e alla sua capacità di vedere in anticipo la distruzione del mondo contadino e l’omologazione del mondo consumistico.

La stagione si chiude il 13 maggio, presso la Casa delle Acque (via del Lido, 15, Casalecchio) con Maurizio Rippa (voce) e Amedeo Monda (chitarra) presentano “Piccoli Funerali”, una partitura drammaturgica e musicale, dal barocco alla musica moderna, che alterna un piccolo rito funebre ad un brano dedicato a chi se ne è andato. Un lavoro struggente e a suo modo indimenticabile, su quanto l’assenza dei riti crei una solitudine dentro le persone di fronte alle prove più dure, alle cesure dell’esistente, a cui ora non siamo più preparati: una chiara testimonianza di cosa significhi la perdita di un vero e proprio rito di accompagnamento nel nostro tempo. Uno spettacolo capace di creare una vera e propria emozione collettiva. Vincitore alla VI edizione de I Teatri del Sacro - Ascoli Piceno 2019.

INFORMAZIONI DI BIGLIETTERIA

ABBONAMENTI/CARNET

A causa delle norme per il distanziamento non sarà possibile rinnovare gli Abbonamenti Laura Betti a 13 spettacoli con il diritto di prelazione.

A tutti gli abbonati alla formula “Laura Betti 2019-2020” è riservata la prelazione sui posti da confermare in biglietteria al momento dell’acquisto dei biglietti.

TRE BIGLIETTI PER TE (in vendita da gennaio)
vantaggi per spettatori abituali
3 spettacoli: 30 €

BIGLIETTI
Intero 15 €
Ridotto 13,50 €
Giovani 8 €
Scuole superiori 7,50 €

MANIFESTO CANNIBALE (prove aperte) : 5 €
I CAN’T BREATH (Installazione su palco con uso di realtà virtuale per 1 spettatore alla volta): 5 €
PANE E PETROLIO (spettacolo con cena a numero di spettatori limitati): 25 €

COME UTILIZZARE IL VOUCHER:

I possessori di voucher hanno diritto alla conversione degli stessi in biglietti corrispettivi alla stagione e alla tariffa precedentemente acquistata

-  Per utilizzare il voucher presentarsi in cassa con il vecchio abbonamento o biglietto e un documento di identità valido.
-  Il voucher può essere presentato anche in formato digitale. Inoltre, può essere utilizzato in più soluzioni, fino al raggiungimento del suo valore complessivo.

DIRITTO DI PREVENDITA
Il diritto di prevendita di 1 € si applica fino al giorno precedente lo spettacolo

VENDITA BIGLIETTI
Prelazioni per i possessori dell’abbonamento Laura Betti 1920
dal 1 al 2 ottobre.

Dall’ 6 ottobre è aperta la vendita per tutti gli spettacoli della Stagione Multidisciplinare 2021/22 per il periodo novembre/ dicembre.

Dal 3 dicembre è aperta la vendita per tutti gli spettacoli della Stagione Multidisciplinare 2021/22 per il periodo gennaio/ aprile.

RIDUZIONI

Ridotto: over 60; Soci Coop; Arci; Carta Più e MultiPiù Feltrinelli; Mondadori Card.

Associazioni/Circoli/Cooperative convenzionati.

Tutte le tessere danno diritto a 1 biglietto ridotto.

Le tessere vanno esibite al momento dell’acquisto dei biglietti.

Le riduzioni non sono cumulabili.

Giovani: fino a 29 anni, youngERcard, studenti universitari.

Scuole superiori: per gruppi di minimo 10 studenti. 1 ingresso gratuito per 1 insegnante accompagnatore ogni 15 studenti.

ACQUISTO ONLINE

I biglietti sono acquistabili online sul circuito Vivaticket e presso tutti i punti vendita Vivaticket, tra cui Bologna Welcome (Piazza Maggiore, 1/e); Zamboni53 Store (Via Zamboni, 53/c); i punti d’ascolto delle Ipercoop Centro Borgo, Lame, Nova. Elenco completo dei punti vendita su www.vivaticket.it

PRENOTAZIONI

È possibile prenotare i biglietti telefonicamente allo 051/570977 o via e-mail all’indirizzo biglietteria@teatrocasalecchio.it nei giorni e orari di apertura. I biglietti prenotati vanno ritirati presso la biglietteria del teatro entro 10 giorni dalla prenotazione e in ogni caso entro il giorno di apertura della biglietteria precedente la data di spettacolo.
Le prenotazioni non ritirate vengono automaticamente cancellate.
Non si accettano prenotazioni il giorno dello spettacolo.

APERTURA BIGLIETTERIA

 

A partire dal 2 ottobre la biglietteria è aperta:

-  il venerdì dalle 16 alle 19.30
-  il sabato dalle 9.30 alle 12.30
-  nei giorni di spettacolo dalle 16.00 alle 19.00 e dalle 20.00 fino a inizio spettacolo.
-
La biglietteria rimarrà chiusa nei giorni festivi, e dal 28 dicembre al 6 gennaio.
Nel caso sia possibile realizzare il Capodanno di Comunità, attualmente sospeso a causa dell’emergenza sanitaria, la biglietteria sarà aperta dal 28 al 31 dicembre.

Tutti gli spettacoli, salvo diverse indicazioni, iniziano alle ore 21.

La direzione di riserva di apportare al programma modifiche che si rendessero necessarie per cause di forza maggiore.

 

ATER FONDAZIONE
ww.ater.emr.it
Facebook: ATER Fondazione
Instagram: ATER Fondazione

TEATRO LAURA BETTI
www.teatrocasalecchio.it
Facebook: https://www.facebook.com/casalecchioteatro
Twitter: teatro_betti
Youtube: Teatro di Casalecchio

UFFICIO STAMPA COMUNE DI CASALECCHIO
stampa@comune.casalecchio.bo.it
www.comune.casalecchio.bo.it
Facebook: Comune Casalecchio
Twitter: Casalecchio News
YouTube: Comune Casalecchio di Reno
Telegram: Comune Casalecchio di Reno