Data: 20/06/2021 | Teatro: Teatro Auditorium Manzoni | Categoria: Concerto

La direttrice polacca Marta Gardolińska, è arrivata all’attenzione internazionale come Young Conductor in Association presso la Bournemouth Symphony Orchestra durante le stagioni 18/19 e 19/20. Durante quel periodo, ha costruito un forte rapporto e fiducia con i musicisti che l’ha portata a condurre due settimane di abbonamento di successo fenomenale e diversi tour regionali e progetti educativi.
Nel 2015 è stata nominata Direttrice Principale dell’Akademischer Orchestervere di Vienna e durante la stagione 2017-18 ha ricoperto la carica di Direttrice Principale e Direttrice Artistica della TU-Orchester Wien.

Violinista belga di origini russe, Marc Bouchkov è un musicista sofisticato di impeccabile aplomb e ha intrapreso una carriera internazionale esibendosi con le principali orchestre e direttori di tutta Europa. È uno degli artisti più poliedrici e unici della nuova generazione.
Le sue apparizioni orchestrali includono esibizioni con la Mariinsky Theatre Symphony Orchestra e Valery Gergiev, la HR-Sinfonieorchester e Christoph Eschenbach, la Royal Concertgebouw Orchestra e Mariss Jansons, la Munich Philharmonic Orchestra e Philippe Jordan.

Programma:

  • Jean Sibelius – Concerto in Re minore per violino e orchestra, op. 47
    Anno di composizione: 1903
    Prima esecuzione: 8 febbraio 1904, Helsinki

    Movimenti:

    1.Allegro moderato
    2.Adagio di molto
    3.Allegro, ma non tanto

    Caratteristica del Concerto in Re minore per violino e orchestra è l’atteggiamento di Sibelius rispetto ad un problema familiare noto a tutti i compositori: ossia come far convivere le forme classiche, quali la sinfonia o il concerto per strumento solista e orchestra, con un linguaggio musicale che si muoveva ormai a una velocità completamente diversa rispetto a quello dei tempi di Mozart o Beethoven. Sibelius agisce dentro quelle forme con piena libertà, in cerca di un’espressività intensa che è caratteristica di tante sue composizioni, fra le quali il suo unico Concerto in Re minore per violino e orchestra.

  • Johannes Brahms -Sinfonia n.1 in Do minore per orchestra, op. 68
    Anno di composizione: 1862
    Prima esecuzione: 4 novembre 1876, Karlsruhe

    Movimenti:

    1.Un poco sostenuto
    2.Andante sostenuto
    3.Un poco allegretto e grazioso
    4.Allegro non troppo, ma con brio

    A fine settembre la Sinfonia n. 1 in Do minore è pronta e c’è appena il tempo per preparare l’esecuzione, che Brahms ha deciso di concedere alla cittadina di Karlsruhe, sia per la quantita della sua orchestra sia per buona accoglienza che le sue precedenti composizioni vi avevano avuto. Il 4 novembre 1876 l’opera, diretta da Felix Otto Dessoff, è eseguita con successo e lo stesso accade tre giorni dopo a Mannheim e poi ancora a Monaco, nella wagneriana Lipsia, a Breslavia. E così fino a Vienna, il 17 dicembre, che fu preceduta da una esecuzione destinata alla critica della versione per pianoforte a quattro mani. Il successo fu tale da indurre l’autore a ritenere superata la prova e a volersi presto ripetere in quest’ambito tanto impegnativo.

Per maggiori informazioni, visita la pagina dell’evento

Ti potrebbero interessare:

  • Non ci sono eventi in questa categoria