Il Teatro Comunale è da sempre nel cuore di Bologna. Nel quartiere universitario, in pieno centro storico, a due passi dalle Due Torri. L’edificio è fra i più straordinari esempi del patrimonio monumentale del Settecento italiano, capolavoro di Antonio Galli Bibiena, celebrato architetto, scenografo, pittore e decoratore, fra i maggiori del suo tempo. Il pregio architettonico del teatro si coniuga alla vivacità della programmazione, agli spettacoli d’opera e ai concerti che vi si svolgono, alla creatività musicale e all’alto artigianato teatrale di chi vi lavora, al riconosciuto valore complessivo della produzione.

Il Teatro Comunale è un luogo prezioso e affascinante per l’armonia delle forme e dei volumi, per lo splendore degli stucchi e per l’acustica così peculiare, smagliante e morbida ad un tempo. E tale si offre tutt’ora allo sguardo del visitatore, nella nobile magnificenza delle sue eleganti decorazioni e nella scansione accogliente dei suoi ambienti. Sia nella sala principale, dal caratteristico disegno “a campana”, sia nei ridotti e nelle sale adiacenti. Oltre che agli spettatori, il Teatro Comunale si apre oggi sempre più anche alla società produttiva e alle aziende che hanno sede a Bologna o individuano in questa città importanti occasioni di interesse commerciale, industriale, espositivo. Alla bellezza degli ambienti il Teatro Comunale aggiunge la comodità della sua breve distanza da alcuni fra i più noti alberghi della città, nonché i suoi facili e rapidi collegamenti con il distretto fieristico, la stazione ferroviaria e l’aeroporto. Sono disponibili altri servizi a richiesta: catering, decorazioni floreali, registrazioni audio e video, l’utilizzo del pianoforte, di apparecchiature per amplificazione e videoproiezione, di dispositivi illuminotecnici. Negli spazi del Teatro Comunale si può trovare un luogo ideale per conferenze e convegni, una cornice suggestiva per la presentazione di iniziative promozionali o esposizioni, un luogo idoneo per incontri conviviali d’alto profilo o per sfilate di moda, un set originale per servizi fotografici, per riprese televisive o cinematografiche. Tutto ciò al Teatro Comunale. Nel cuore di Bologna.

Il fuoco che nel 1745 distrusse l’allora Teatro Malvezzi di Bologna, tutto in legno, dà inizio alla storia del teatro d’opera bolognese. Dopo l’incendio la città commissionò ad Antonio Galli Bibiena, membro della famosa famiglia di architetti teatrali e di scenografi, la costruzione di un nuovo teatro d’opera in pietra nello stile barocco del periodo. Il 14 maggio 1763 il Teatro Comunale aprì le sue porte al pubblico con la prima esecuzione de Il trionfo di Clelia di Gluck. Documenti dell’epoca riportano che 1500 persone parteciparono all’evento inaugurale, sul totale di una popolazione che a quel tempo era di 70.000 abitanti.

Da allora il Comunale è diventato famoso per l’alto livello qualitativo dei suoi spettacoli e per la fama degli artisti che arrivano da tutto il mondo. La cultura musicale di Bologna è ben nota: molti compositori, Mozart incluso, hanno studiato all’Accademia Musicale di Bologna; Rossini visse in città per anni e vide le sue opera messe in scena al Comunale; Verdi lavorava nella vicina Busseto e a Sant’Agata. Nel 1867 la prima rappresentazione italiana del Don Carlo ebbe luogo sul palcoscenico del Bibiena a pochi mesi di distanza dalla “prima” parigina.

Ma la città e il teatro furono anche aperti all’arrivo di produzioni ed artisti non italiani. Poiché fu il primo teatro a mettere in scena le wagneriane Lohengrin,Tannhauser, Der fliegende Holländer, Tristan und Isolde e Parsifal, il Teatro Comunale acquisì per Bologna la fama di città “wagneriana”. Durante la prima esecuzione italiana del Lohengrin, Verdi era seduto in un palco del Teatro, tra le mani la partitura del suo rivale.

Tra i grandi direttori apparsi sulla scena bolognese ricordiamo: Mariani, Toscanini, Furtwängler, von Karajan, Gavazzeni, Celibidache, Solti, Delman e, più recentemente, Muti, Abbado, Chailly, Thielemann, Sinopoli, Gatti e Jurowski.

Le grandi voci storiche del XIX secolo sono tutte passate sul palcoscenico del Comunale.  Nel XX secolo cantanti quali Stignani, Schipa, Gigli, Di Stefano, Christoff, Tebaldi, Del Monaco e, più recentemente, Pavarotti, Freni, Bruson, Horne, Ludwig, Anderson si sono esibiti in questo teatro.

 Oggi il Teatro Comunale continua la sua tradizione di eccellenza. Le produzioni più recenti sono state firmate da Pier Luigi Pizzi, Luca Ronconi, Bob Wilson, Pier’Alli, Werner Herzog e Calixto Bieito. Il Teatro si avvale della collaborazione di 95 professori d’orchestra e 70 artisti del coro e realizza in una stagione circa 80 spettacoli lirici e 30 concerti sinfonici. Oltre a servire Bologna e la regione Emilia-Romagna, il Teatro ha viaggiato all’estero: ricordiamo le tournèes in Giappone negli anni 1993, 1998, 2002 e nel 2006, oltre alla partecipazione ad importanti festival internazionali quali Aix en Provence nel 2005 e Savonlinna nel 2006.



Largo Respighi 1 - bologna

Sto caricando la mappa ....


I prossimi spettacoli:

  • Relative Calm – A work in three parts

    24/09/2022

    Relative Calm | A work in three parts 24 settembre 2022, h 20:30 e 25 settembre 2022, h 16 - Teatro Comunale di Bologna Robert Wilson torna a lavorare con Lucinda Childs, leggendaria coreografa per l’iconica opera Einstein on the beach con musiche di Philip Glass. La nuova performance Relative calm: a work in three parts riunirà in una sola serata due iconiche composizioni di Lucinda Childs che Wilson metterà in scena con un set appena composto, illuminazione e proiezioni video e una creazione completamente nuova che li contrapporrà con un lavoro di musica classica. Concept, luci, scene, video Robert Wilson ...

  • Relative Calm – A work in three parts

    25/09/2022

    Relative Calm | A work in three parts 24 settembre 2022, h 20:30 e 25 settembre 2022, h 16 - Teatro Comunale di Bologna Robert Wilson torna a lavorare con Lucinda Childs, leggendaria coreografa per l’iconica opera Einstein on the beach con musiche di Philip Glass. La nuova performance Relative calm: a work in three parts riunirà in una sola serata due iconiche composizioni di Lucinda Childs che Wilson metterà in scena con un set appena composto, illuminazione e proiezioni video e una creazione completamente nuova che li contrapporrà con un lavoro di musica classica. Concept, luci, scene, video Robert Wilson ...

  • Andrea Chénier

    14/10/2022 - 23/10/2022

    Andrea Chénier 14 - 23 ottobre 2022 - Teatro Comunale di Bologna UMBERTO GIORDANO - Andrea Chénier Andrea Chénier, dramma storico in quattro quadri ambientato all’epoca della rivoluzione francese, è l’opera lirica più famosa di Umberto Giordano. Ispirata alla vita del poeta rivoluzionario André Chénier, l’opera su libretto di Luigi Illica riporta fedelmente e dettagliatamente il quadro storico nel raccontare le vicende del protagonista, del suo amore per Maddalena di Coigny e dell’arresto. Nuova produzione del TCBO DIRETTRICE Oksana Lyniv REGIA Pierfrancesco Maestrini MAESTRO DEL CORO Gea Garatti Ansini SCENE E VIDEO Nicholas Boni COSTUMI Stefania Scaraggi LUCI Daniele Naldi COREOGRAFIE ...

  • Lohengrin

    13/11/2022 - 20/11/2022

    Lohengrin 13 - 20 novembre 2022 - Teatro Comunale di Bologna Richard Wagner - Lohengrin L’opera romantica Lohengrin, rappresentata nel 1871 in prima italiana al Teatro Comunale di Bologna, è il primo fulminante contatto del paese del melodramma con la drammaturgia e la musica di Richard Wagner. Nell’opera, considerata l’ultimo dei lavori giovanili di Wagner e ispirata al poema epico tedesco Parzival di Wolfram von Eschenbach, la vicenda corre su due binari paralleli, il mito e la storia, e la musica riflette questa duplicità: le sonorità vitree dell’avvio la malinconia del canto di Lohengrin, l’evocazione della terra lontana “inaccessibile” del ...

  • La Traviata

    10/12/2022 - 21/12/2022

    La Traviata 10 - 21 dicembre 2022 - Teatro Comunale di Bologna GIUSEPPE VERDI - La Traviata Melodramma in tre atti di Francesco Maria Piave Terzo capolavoro della trilogia popolare, La traviata è considerata una delle opere più significative del genio verdiano. Il soggetto è quello di Alexandre Dumas figlio, il discusso “La dame aux camélias”, che il compositore decide di ambientare coraggiosamente in epoca coeva. La prima rappresentazione, andata in scena alla Fenice di Venezia nel 1853, fu un clamoroso insuccesso non solo per la scarsa qualità dei cantanti, ma soprattutto per l’audacia del soggetto e la modernità della ...

  • Fuego

    29/12/2022 - 30/12/2022

    Fuego 29 - 30 dicembre 2022, h 20:30 e 31 dicembre 2022, h 18 - Teatro Comunale di Bologna COMPANIÍA ANTONIO GADES Fuego racconta la storia di Candela, una giovane gitana innamorata di Carmelo e tormentata dallo spirito del suo defunto marito – pugnalato all’inizio dello spettacolo nel corso di un duello – con il quale lei danza tutte le notti. Una fattucchiera raccomanda alla coppia di danzare “La danza del fuoco”, così da liberarsi dello Spettro che si interpone sulla strada del loro amore. Prima rappresentazione assoluta: Parigi, Théâtre du Châtelet, 26 gennaio 1989 Soggetto, Coreografia e Regia Antonio Gades, Carlos ...

  • Fuego

    31/12/2022

    Fuego 29 - 30 dicembre 2022, h 20:30 e 31 dicembre 2022, h 18 - Teatro Comunale di Bologna COMPANIÍA ANTONIO GADES Fuego racconta la storia di Candela, una giovane gitana innamorata di Carmelo e tormentata dallo spirito del suo defunto marito – pugnalato all’inizio dello spettacolo nel corso di un duello – con il quale lei danza tutte le notti. Una fattucchiera raccomanda alla coppia di danzare “La danza del fuoco”, così da liberarsi dello Spettro che si interpone sulla strada del loro amore. Prima rappresentazione assoluta: Parigi, Théâtre du Châtelet, 26 gennaio 1989 Soggetto, Coreografia e Regia Antonio Gades, Carlos ...