VIE Tracce: la conferenza stampa dell’iniziativa collegata a VIE Festival

Nell’autunno 2021 la programmazione dei teatri ERT è dedicata alla presentazione degli spettacoli annullati nella scorsa stagione a causa della situazione pandemica. Il Festival VIE rimanda quindi l’appuntamento con il suo pubblico a ottobre 2022, ma, nel frattempo, lascia due tracce importanti, due eventi firmati da artisti internazionali per la prima volta in Italia, Pauchi Sasaki e Matìas Umpierrez.

Pauchi Sasaki, compositrice e artista interdisciplinare, esplora e interseca la composizione sonoro-musicale con lo sviluppo di performances multimediali. Eletta come allieva di Philip Glass da “The Rolex Mentor and Protégé Arts Initiative” – il progetto Rolex che seleziona giovani talenti nel mondo e propone loro un periodo di collaborazione creativa con un Maestro, una figura di spicco nella propria disciplina – ha presentato le sue performances in scenari quali il Lincoln Centre e la Carnegie Hall di New York.
I progetti di Matías Umpierrez si pongono alla frontiera tra teatro, arti visive e progetti curatoriali generando una dialettica tra spettatore-scena-territorio. La scelta del “The Rolex Mentor and Protégé Arts Initiative” di affidargli come mentore il regista Robert Lepage, l’ha portato ad avviare un’intensa collaborazione con l’artista canadese. I suoi lavori sono stati presentati sia in spazi non convenzionali che in luoghi come i Musei MALBA di Buenos Aires, Reina Sofía di Madrid e il MoMA di New York.

ARTEMIS: Ouverture
composizione e regia Pauchi Sasaki
in coproduzione con ERT / Teatro Nazionale
prima assoluta
durata 10’

Meditazione trasversale sul corpo femminile, il metallo, la tecnologia e il potere: l’opera riflette sulla femminilità riconfigurata in un contesto digitale, ponendo la tecnologia come meccanismo di liberazione, dove macchine e software neutralizzano e liberano il corpo da restrizioni e disuguaglianze socialmente e culturalmente imposte.
In questo lavoro confluiscono mondi divergenti: dalla musica da camera tradizionale a quella contemporanea, improvvisazione, sperimentazione, rumore, musica algoritmica ed elaborazione dal vivo. Un paesaggio sonoro nel limite della notazione classica e del formato di opera aperta, delicato e viscerale allo stesso tempo.

Cesena – Teatro Bonci, Sala Morellini
14 – 16 ottobre ore 19.00 – 20.30
17 ottobre ore 14.30 – 15.00 e 17.15 – 18.30

Modena – Teatro Storchi, Ridotto
28 – 29 ottobre ore 18.30 – 20.00
30 ottobre ore 17.00 -1 8.30
31 ottobre ore 14.30 – 15.30 e 18.00 – 19.00

Bologna – Teatro Arena del Sole, Sala Archi
29 ottobre ore 17.30 – 19.00
30 ottobre ore 17.00 – 18.30
31 ottobre ore 14.30-15.30 e 18.00 – 19.00

Ingresso libero. È consigliata la prenotazione

Museo de la Ficción
I.IMPERIO
videoinstallazione performance di Matìas Umpierrez
prima nazionale
durata 70’

IMPERIO, adattamento del Macbeth di Shakespeare, si svolge nella Spagna della post-dittatura anni ’90 e mette in evidenza la finzione come strumento di mediazione sociale e politico, creando un “mix” tra l’industria dell’intrattenimento, gli attuali meccanismi di potere e la rabbia che suscita lo scontro tra tradizione e globalizzazione.
Il cast di IMPERIO vanta la presenza di alcuni protagonisti della fiction iberoamericana tra cui spiccano i nomi di Ángela Molina nel ruolo principale di Macbeth e del famoso attore e regista canadese Robert Lepage, nel ruolo di Lady Macbeth.

Bologna, Teatro Arena del Sole
9 – 10 dicembre ore 19.00 e 21.00;
11 dicembre ore 15.30, 17.00, 18.30, 20.00
12 dicembre ore 11.00, 12.15, 15.30, 17.00, 18.30

Prenotazione obbligatoria. Ingresso: € 8 intero; € 4 ridotto under 29